Vi danno il Benvenuto al Ristorante

LogoSfondoTrasparente.png

«E oltre l'Italia c'è la Sicilia, la terra più fiorente e bella che si conosca. Là ci sono la possente Siracusa e Agrigento, Gela e Selinunte […]»

Alessandro I d'Epiro mostrando ad Alessandro Magno il mare Adriatico

Prima d’iniziare a leggere le nostre proposte, Vi chiediamo di leggere chi siamo e cosa pensiamo del cibo.
Perché mangiare è facile, ma degustare è meglio.
Siete qui per rilassarvi e farVi coccolare.

Ciò in cui crediamo

"Non esiste la cucina ma esistono le cucine.
Essa non è un’arte ma fa parte delle necessità e delle necessità si fa virtù.
Un cuoco non è come il musicista ma compone una storia, assembla il legno come un falegname,
armonizza i colori come il pittore fa sulla sua tela;
ma le sue opere non sono eterne.
Ogni cuoco ha la sua visione, non esistono opere sbagliate perché l’arte non può essere insegnata, si può insegnare la tecnica ma non ad essere artisti altrimenti avremmo solo copie. 
È bello ascoltare una vecchia canzone ma ogni giorno ne escono migliaia.

Abbiamo la fortuna di scegliere il genere musicale che più ci piace, eppure nessun artista o compositore ti dirà mai che la musica del passato non va più bene, anzi, la studia e la stima. 


Ecco, oggi possiamo dire lo stesso delle cucine, abbiamo tanti generi ma non possiamo fare a meno
della cucina dei ricordi della mamma, della nonna, della zia, della vicina di
casa, del parente lontano o dei primi immigrati.


La cucina è come il tuo nome e cognome: Non li hai scelti ma ti identificano, comprendi il tuo io e lo difendi da chi vorrebbe storpiarlo o infangarlo. 
Così sono le nostre Cucine Italiane, sono un patrimonio da difendere, da preservare.
Si dice che siamo quello che mangiamo e se oggi noi siamo ciò che siamo è proprio grazie ad esse.
Un semplice piatto di pasta può stimolare i tuoi sensi e ti ripaga dandoti ispirazione, rendendo le cucine gli stimolatori dei sensi artistici. Un cuoco ha una grande responsabilità, i clienti gli affidano il loro giorno di festa e la loro salute.
Quindi l’arte dei cuochi sta nel dare valore alle materie prime, esaltandone l'interpretazione amalgamando ingredienti che creeranno nuove pietanze.
Oggi come ieri ci sono cuochi interpreti e cuochi creatori di nuovi piatti e stili, entrambi originati dall’esperienze passate arrivate a noi di madre in figlia.

Da chef a cuochi, divenuti poi chef."

- Rocco Antonio Costanzo